domenica, Gennaio 20, 2019
Home 2013 Febbraio

Archivi Mensili: Febbraio 2013

Relativismo

Scorrendo il dialogo fra Gesù e la donna samaritana (Gv 4:7-26) si rimane sorpresi dal brusco cam- biamento di tema suggerito dalla donna quando vede il discorso scivolare sulla sua condizione personale (“...hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito...”, Gv 4:18).
Nella vita può succederci di trovarci davanti ad ostacoli umanamente difficili da superare, così come apparivano insuperabili le mura di Gerico agli occhi di Giosuè. Proprio in quelle difficili situazioni il rivolgere lo sguardo in Alto ci porterà a conoscere il valore della presenza del Signore, il cui soccorso consiste proprio nello stare accanto a noi per combattere per noi e con noi, e anche le mura delle nostre “Gerico” crolleranno.
La contraddizione presente in ogni uomo, fra le sue meravigliose caratteristiche fisiche e le sue infime qualità morali, trova spiegazione soltanto nella rivelazione biblica che ci rivela che cosa accadde all’uomo, dopo essere stato creato “a immagine e somiglianza di Dio”. Ma la stessa rivelazione ci comunica anche come Dio ha operato per far sì che l’uomo possa godere per l’eternità la gloria delle perfezioni divine.
Per affermare la necessità della presenza del vero amore (dell’agàpe di Dio!) nella vita di ogni figlio di Dio, l’apostolo Paolo lo mette a confronto con la presenza di doni e capacità straordinarie (le lingue, la profezia, la conoscenza, la fede, la misericordia, il martirio). Queste capacità risulteranno di nessun valore se non avranno come fondamento e come movente l’amore!

L’Impegno

Contrariamente a quanto ci insegna la società di oggi (a prosperare sono “i furbi”, quelli cioè che riescono ad ottenere “il massimo con il minimo sforzo”!), Dio, attraverso la sua Parola, richiama i suoi figli a vivere una vita in cui non ci siano spazio per l’ìndolenza, la pigrizia, la superficialità e la presunzione. Al contrario, saranno la consacrazione a lui ed un impegno perseverante a avere la sua approvazione.