domenica, Gennaio 20, 2019
Home 2018 Marzo

Archivi Mensili: Marzo 2018

Vedere Gesù Il primo episodio che prenderemo in esame è quello che dà il titolo alle nostre riflessioni: “Vieni a vedere Gesù”. Questa frase, pronunciata da Filippo e rivolta al suo amico Nata- naele, ci farà da guida nella nostra lettura dei testi evangelici. Prima di entrare nello specifico, vorrei rilevare un’espressione che l’apostolo Paolo scrisse ai Galati: “Gesù Cristo crocifisso...
Il tumulto delle nazioni Il profeta Zaccaria parla diffusamente degli avvenimenti degli ultimi tempi e del destino di Gerusalemme: «Ecco, io farò di Gerusalemme una coppa di stordimento per tutti i popoli circostanti; verranno pure contro Giuda, quando cingeranno d’assedio Gerusalemme. In quel giorno avverrà che io farò di Gerusalemme una pietra pesante per tutti i popoli; tutti quelli che se la...
Pecore con i denti piatti, pecore con i denti a punta Nelle valli fra le colline chiamate “i Pascoli” c’era un Ovile. Pur essendo antico, era ben tenuto: protetto da un solido, alto recinto e da una porta robusta. Lo conduceva un brav’uomo, il Pastore, che amava le sue Pecore e faceva del suo meglio affinché fossero sane e soddisfatte. Grazie...
Nel dicembre 2017 è stata approvata in Senato la legge sul “Testamento biologico”. La legge riconosce la volontà del malato, scritta in un documento, nel quale enuncia, in linea di massima, i propri orientamenti sul “fine vita”, nell’ipotesi in cui sopravvenga una perdita irreversibile della capacità di intendere e volere. Si tratta pertanto di uno strumento importante, che rafforza...
“Alle 8,55 circa del 16 marzo 1978, la Fiat 130… guidata dall’appuntato dei carabinieri Domenico Ricci e con a bordo l’onorevole Aldo Moro e il capo della sua scorta personale, maresciallo dei carabinieri Oreste Leonardi, mentre percorreva via Mario Fani, seguita dall’Alfetta… guidata dalla guardia di P.S. Giulio Rivera e con a bordo la scorta (brigadiere di P.S. Francesco...
Due vite sbagliate, come tante, come troppe. Da un lato una ragazza, da poco uscita dall’adolescenza con un disagio interiore che l’ha portata a compiere la scelta di tanti, di troppi: drogarsi per dimenticare e per evadere, ma anche per esaltarsi e provare sensazioni surreali (non senza motivo le droghe si chiamano anche “sostanze… stupefacenti”). Dall’altro lato un giovane...